Perché più fotografi sono meglio di uno - Fotografo matrimonio Milano | Album, Video nozze | Fotografi degli Sposi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Perché più fotografi sono meglio di uno

Nella nostra professione, capita spesso di sentirsi domandare perché due o più fotografi sono meglio di uno.

Il malinteso più diffuso è che si tratti di un puro vezzo e che in realtà uno basta e avanza. In fin dei conti, a chiunque assista a un matrimonio bastano due occhi e una testa per vederlo.In realtà le cose stanno in modo molto diverso. Lo sa bene chi lavora nel settore. Ed è proprio questo che voglio spiegarti nell’articolo che stai leggendo.

Innanzitutto mi piace sempre partire da un esempio. Quando si gira un film, certamente non viene impiegata un’unica telecamera. Il motivo è semplice: ogni scena è costituita da più dettagli. Va bene, un matrimonio non è una produzione hollywoodiana – non tutti perlomeno – ma il concetto resta lo stesso. Pensa a quanti invitati ha un matrimonio: decine e decine. In più ci sono i due sposi. Ciascuno di essi aggiunge un punto di vista a sé e dà vita a una serie di momenti da catturare. Altrimenti andranno persi. Ecco perché Fotografi degli Sposi mette a disposizione più di un fotografo per matrimonio alla volta.

Organizzare un matrimonio 3D


Più fotografi sono meglio di uno perché permettono di riprendere il matrimonio da varie angolazioni e punti di vista. Per questo si può parlare di matrimonio 3D: ovvero raccontato a 360 gradi. Tutti i momenti importanti della cerimonia – ma non solo – offrono più di una inquadratura.

Se ti dicessi di visualizzare nella tua mente lo scambio delle fedi, per esempio, come lo immagineresti? Lo sguardo di lui o quello di lei? Un solo dettaglio o di più? Fare una scelta che renda quel gesto nella sua integrità è impossibile. Anzi, è proprio un controsenso. Quando noi di Fotografi degli Sposi siamo in due a una cerimonia, immortaliamo sia la sposa che si volta verso lo sposo, che viceversa. Due dettagli distinti dello stesso momento: senza bisogno di selezionare una sola dimensione.

Infatti non si tratterebbe solo di quale dettaglio scegliere: ma anche di quale sacrificare. Lo stesso vale per tante altre parti importanti della giornata: dall’ingresso di lei mentre lui osserva, alla reazione dei genitori degli sposi, fino al lancio del riso, che noi seguiamo con una stretta sugli sposi e la visuale di tutta la piazza.

Più fotografi al matrimonio, più momenti da ricordare


Non si tratta solo di punti di vista diversi dello stesso momento: un matrimonio è fatto di tanti pezzi di puzzle che hanno luogo anche allo stesso tempo. Ecco perché più fotografi sono meglio di uno. Così un professionista può seguire la mattina la sposa che si prepara, mentre l’altro pensa agli scatti degli invitati che arrivano, o dello sposo accompagnato dalla madre. Con un solo fotografo dovresti sicuramente rinunciare ad alcuni di questi momenti a favore di altri. Ingaggiando più professionisti, invece, avrai un racconto completo.

Non solo potrai contare su quattro occhi e due obiettivi, ma anche su due o più presenze distinte, in grado di coprire ogni location, di dare un input a sé e di effettuare più servizi allo stesso tempo, permettendoti di risparmiare molto tempo ed evitare tempi morti. Insomma, siamo professionisti, ma non abbiamo il dono dell’ubiquità.

Nozioni specifiche sul tema, per gli appassionati di fotografia


Più fotografi sono meglio di uno anche per dei motivi tecnici da non sottovalutare. Chi lavora in questo campo ne è al corrente. Prima di tutto, poter contare su degli assistenti che ti cambiano gli obiettivi può fare la differenza.

Un fotografo non può chiedere un time-out ogni volta che deve compiere questa azione, e allo stesso tempo scegliere l’obiettivo giusto è parte integrante del successo di un servizio fotografico. Ogni obiettivo ha una funzione a sé, definita dalla lunghezza focale e dalla massima apertura focale che lo caratterizzano. Proprio in base a questi parametri e all’ambiente in cui il fotografo lavora (in chiesa, all’aperto, la sera, ecc.), dovrà essere effettuato un cambio.

Più facile a dirsi che a farsi, quando i tempi sono stretti e stanno avendo luogo dei momenti – ovvero potenziali scatti – importantissimi. Tra i due parametri del teleobiettivo, quello che influisce di più sulla qualità delle fotografie è l’apertura focale del diaframma, ovvero la massima quantità di luce che l’obiettivo fa entrare nel sensore. Perché è importante? Perché influenza direttamente cinque fattori principali:

  • profondità di campo
  • nitidezza
  • nettezza della luce
  • aberrazione cromatica
  • diffrazione

L’attenzione a questi dettagli è quello che distingue un professionista da un amatoriale, ed è una delle ragioni perché più fotografi sono meglio di uno.
 

Fotografi degli Sposi di


via Solferino, 56 - 20121 Milano
P.Iva: 07819280962

Fotografi degli Sposi di
via Solferino, 56 - 20121 Milano
P.Iva: 07819280962


Numero verde gratuito 800.980.447


Facebook Google Plus Twitter
Torna ai contenuti | Torna al menu