• Giovanni Rusconi

Matrimonio religioso o civile? Quale tipo di cerimonia scegliere



In passato, le cerimonie matrimoniali religiose e i grandi matrimoni in Chiesa antica erano la norma. Oggi, però, sempre più coppie scelgono di sposarsi con rito civile.

È una scelta estremamente personale e le ragioni per sceglierne una piuttosto che un'altra variano da coppia a coppia. Tuttavia, sebbene potrete naturalmente optare per entrambe e, rispettando la normale burocrazia, risultare regolarmente sposati, sono due vie molto diverse e per questo, prima di stabilire quale sarà la vostra, ci sono diverse cose che dovreste considerare.

Innanzitutto il matrimonio è un contratto e lo Stato necessita che si proceda secondo il Codice Civile perché abbia effetto.

Quindi, ai fini della validità, può esserci matrimonio civile senza matrimonio religioso, ma non viceversa. Con ciò non vogliamo dire che la cerimonia in Chiesa non abbia alcuna validità in quanto, visto l’accordo tra Stato e Chiesa del 1929 (“Patti Lateranensi”), esiste il Matrimonio Concordatario, un rito religioso che produce effetti civili.

Tuttavia per lo Stato, con lo scopo di ottenere i pieni diritti che per legge aspettano a moglie e marito, il Matrimonio deve, secondo l’articolo 106 c.c., svolgersi in Comune davanti all’Ufficiale dello Stato Civile.

Detto ciò, vediamo quali altri dettagli differenziano queste due tipologie di cerimonie.

Matrimonio Religioso o Civile?

La principale differenza tra sposarsi con una cerimonia religiosa o civile è che una cerimonia religiosa riguarda l'essere sposati agli occhi di Dio, mentre una cerimonia civile riguarda l'essere sposati agli occhi della legge.

Naturalmente, il tuo celebrante, sia esso civile o religioso, deve soddisfare tutti i requisiti legali per sposare una coppia stabiliti dal Governo, ma se ti sposi in una Chiesa o in un altro luogo di culto, è probabile che ci siano un certo numero di regole o convenzioni (come l'appartenenza della sposa o dello sposo alla fede in questione) che devono essere rispettate, mentre le cerimonie civili hanno meno restrizioni.

Naturalmente, questo è comprensibile, poiché non va dimenticato che, per quanto belle e atmosferiche siano molte Chiese, il fatto è che sono prima di tutto luoghi di culto. Quindi, la vera cerimonia del matrimonio è vista come una cerimonia sacra, santa, alla quale devono applicarsi le usanze della fede.

Le cerimonie civili, d'altra parte, possono essere altrettanto meravigliose e suggestive ma non sono vincolate dalle regole di alcuna fede, solo dalla legge, quindi c'è molto più “spazio di manovra” per quanto riguarda alcuni dettagli, come la scelta della musica o del vestito.

La sede


Come accennato in precedenza, i luoghi di culto non sono solo bei dintorni e vetrate colorate. Sono, generalmente, consacrati e un luogo dove le persone di quella fede si riuniscono per praticare le loro credenze. Pertanto, poche Chiese, Sinagoghe o Moschee permetteranno a coloro che non condividono la loro fede di sposarsi nella loro casa di culto. Quindi, se hai tutte le intenzioni di sposarti in una casa di culto (qualunque essa sia) ma non sei di quella fede, le possibilità che ti sia permesso di sposarti lì sono scarse, se non nulle.

Allo stesso modo, i singoli luoghi di culto a volte hanno le proprie regole, così come le singole fedi, su chi possa sposarsi all'interno delle proprie mura.

Non essendoci tali restrizioni con le cerimonie civili, affinché tutto si conformi alla legalità del matrimonio, la maggior parte dei luoghi in molti Paesi del Mondo (da un giardino alla spiaggia o, persino, ad un cortile privato) sarà sufficiente.

In Italia, come abbiamo detto, la cerimonia del Matrimonio si svolge in Comune così come predisposto dal Codice Civile.

Innanzitutto si presenta richiesta di pubblicazione all’Ufficiale di Stato Civile del Comune di residenza di uno dei due futuri sposi. Questo si occuperà di stilare il verbale cartaceo e l’atto di pubblicazione verrà esposto online per 8 giorni. Trascorsi ulteriori 4 giorni potrà poi avere luogo la celebrazione.

Libertà di scelta

Sebbene molte cerimonie religiose siano un po' più rilassate oggi rispetto al passato, sono ancora servizi religiosi per loro stessa natura, quindi sebbene alcune fedi consentano un po' di flessibilità nel format della cerimonia nuziale, dovrai attenerti a un programma piuttosto standard se il tuo matrimonio dovrà svolgersi in Chiesa, quindi aspettati cose come inni, un discorso pastorale ed ulteriori elementi spiccatamente religiosi.

Le cerimonie civili, d'altra parte, sono condotte in conformità esclusivamente con le leggi della giurisdizione italiana, quindi purché siano rispettate, si potrà adattare la cerimonia esattamente a ciò che la coppia desidera.

In questo senso, si ha così una scelta più libera su vari dettagli, in primis il vestiario, che possono rendere il tutto meno formale e, d’altro canto, proprio perché le cerimonie civili sono abbastanza flessibili è possibile comunque combinare anche elementi religiosi.

La durata della celebrazione

Non esiste una durata prestabilita per una cerimonia di matrimonio, ma abbiamo sentito parlare di cerimonie civili in cui non viene utilizzata nient'altro che la formulazione legale obbligatoria e, in quanto tale, la cerimonia è durata non più di cinque minuti.

Quindi, la tua cerimonia può durare quanto desideri.

In caso di rito civile, dal momento che sussistono i requisiti di legge per la cerimonia, non vi è alcun limite di tempo. Nel caso di una cerimonia religiosa, generalmente c'è un ordine di servizio, quindi anche se abbiamo partecipato a cerimonie religiose abbastanza sintetiche, la maggior parte sembra essere intorno all'ora ma, come una cerimonia civile, quella varia e dipende dalle tradizioni della religione con cui ti stai sposando e, naturalmente, dai requisiti della coppia per quanto riguarda le letture, i canti di culto e l'ordine del procedimento.

Capi di abbigliamento


L'abbigliamento è una considerazione importante quando si sceglie tra una cerimonia religiosa e una civile.

Sebbene le cerimonie civili possano essere sfarzose, generalmente si prestano a un'atmosfera meno formale rispetto a quella tipica di un luogo di culto e, in certi casi, l’abbigliamento risulta anche piuttosto informale.

I luoghi di culto, generalmente, hanno un codice di abbigliamento di base che riguarda la modestia dei toni e il rispetto del decoro. Questo non vuol dire che devi essere coperto dalla testa ai piedi con abiti semplici e anonimi, ma uno sposo vestito con eccesso di sfarzo o una sposa con un po' troppa scollatura in mostra, probabilmente non andrebbero molto bene all’interno di un contesto religioso.

In definitiva, qualunque sia la vostra scelta, l'importante è scegliere la cerimonia che più si addice a voi come coppia. Dopotutto è una delle cerimonie più speciali a cui prenderete parte durante tutta la vostra vita, quindi dovreste godervela il più possibile.

10 visualizzazioni0 commenti